Associazione Regionale Istituzioni Sanitarie Ambulatoriali Private
ANISAP Emilia Romagna - Via A. Begarelli 31, 41121 Modena
Tel. e Fax 059-7364343 - info@anisap-emiliaromagna.it - C.F. 92027250379

News

17/10/14
OLTRE 200MLN DONNE NEL MONDO SOFFRONO DI OSTEOPOROSI

L' OSTEOPOROSI una patologia che interessa nel mondo 200 milioni di donne la cui causa senz'altro legata all'avanzare dell'et ed alla conseguente perdita di massa ossea, con manifestazioni che per, possono essere anche molto precoci. Si tratta infatti di una patologia che interessa il 30% di tutte le donne che vanno in menopausa, ma pu insorgere anche a 45 anni se la menopausa precoce, condizione che si stima, interessi 4-5% della popolazione femminile. In occasione della Giornata Mondiale dell'Osteoporosi, il Prof. Giovanni Minisola, esperto di osteoporosi e direttore della divisione di reumatologia dell'ospedale di alta specializzazione San Camillo di Roma, lancia un appello a tutta la popolazione femminile del Lazio, dai 50 anni in poi, affinch non vengano sottovalutati i sintomi, come il dolore nei tratti dorsale e lombare della colonna, che possono essere dipendenti da fratture per fragilit ossea causata dall'osteoporosi severa, la cui incidenza e molto pi comune di quanto si pensi. Spesso definita " ladra silenziosa" o anche "tarlo silenzioso", in quanto compare in maniera asintomatica, per pio manifestarsi spesso con frattura. L'osteoporosi una patologia ormai nota alle donne italiane, come raccontano i risultati della recente indagine "La fragilit " ossea: conoscenza e percezioni delle donne over 50". la ricerca ha fornito un interessante spaccato relativo alla popolazione femminile, da cui emerso, ad esempio, che a fronte di una generale conoscenza della patologia, l'osteoporosi per ritenuta grave soprattutto da chi soffre personalmente di fratture ricorrenti e dalle donne anziane. Assolutamente sottovalutati, invece, i rischi dovuti alla fragilit ossea a seguito di una caduta, che si accetta come conseguenza dell'et e con un atteggiamento quasi di rassegnazione.